Conto deposito

Conto deposito

Tra le tante tipologie di investimento in cui puoi investire i tuoi risparmi c’è il Conto Deposito (CD).

Se non ami molto rischiare i tuoi risparmi questa è sicuramente una forma di investimento a basso rischio.

Ma cos’è un conto deposito. Quanto costa?  Quali sono i tassi di interesse che posso avere? Quali sono i rischi in cui posso incappare?

Andiamo ora ad analizzare questi tre punti principali.

Cos’è un conto Deposito

In pratica un conto deposito è un conto molto simile al conto corrente in cui possiamo depositare parte dei nostri risparmi, i quali, dopo un certo periodo ci daranno degli interessi.

Esistono due tipologie di conto deposito, ed ovvero, un conto deposito libero ed uno vincolato.

Nei conti liberi siamo liberi di prelevare ogni qualvolta che volgiamo tutti i nostri fondi o parte di essi sui quali ci verranno calcolati gli interessi maturati fino a quel momento. Questa tipologia di conto deposito è molto adatta a chi ha bisogno di prelevare in qualsiasi momento parte o tutta la quantità di denaro per motivi improvvisi.

A differenza del conto deposito libero un conto vincolato (come dice stesso la parola) ci fa prelevare i nostri soldi solo dopo che è scaduto il periodo di vincolo. Nella maggior parte dei casi sono comunque svincolabili ma non ci saranno riconosciuti gli interessi.

I periodi di vincolo variano normalmente dai 3 mesi ai 3 anni.

Quanto costa un conto deposito

Fortunatamente tutti i conti deposito sono gratuiti. L’unica cosa che dobbiamo pagare è la tassa di bollo che è pari al 0.2% del patrimonio investito. Ulteriori costi che dobbiamo sostenere sono il 26% di tasse da pagare sugli interessi maturati.

Quali sono i tassi di interesse

A seconda di chi ci fornisce il conto ed in base alla tipologia (libero o vincolato) avremo rendimenti diversi.

Ovviamente un conto vincolato darà interessi maggiori rispetto ad uno libero per i motivi che abbiamo descritto precedentemente.

Generalmente per i conti liberi l’interesse viene erogato o annualmente o trimestralmente e il suo rendimento aumenta al variare del vincolo.

Più si allunga l’orizzonte temporale e più sono alti i rendimenti; anche se tuttavia al giorno d’oggi nella migliore delle ipotesi il rendimento migliore di un conto deposito si attesta all’incirca sul 1% annuo fatta eccezione per alcuni casi rari di rendimenti superiori.

Quali sono i rischi

È bene precisare che i conti deposito, come tutti gli investimenti, possono comunque presentare dei rischi da tenere in considerazione.

I rischi connessi a questo tipo di conti sono essenzialmente di tue tipi: rischio di credito e rischio regolamentare.

Il rischio di credito lo possiamo avere se la banca va in default e quindi non ci restituisce il capitale. Questo rischio può concretizzarsi solo per i conti deposito superiori a 100.000 € dato che fino a questa somma i conti sono tutelati dallo stato.

Il rischio regolamentare si può avere se venissero modificate quelle leggi in cui sono presenti le garanzie dei conti deposito.