Cosa sono i tassi di interesse

Tan, Taeg e Teg

Tassi di interesse

Quando facciamo richiesta di prestito, è bene controllare attentamente le condizioni previste dal contratto ma, soprattutto, analizzare al meglio i tassi di interesse che vengono applicati alla somma che ci viene erogata dalla banca o istituto di credito al quale ci siamo rivolti. Facciamo riferimento, nello specifico, ai valori relativi al TAN, TAEG e TEG associati al prestito. Infatti, il costo di un finanziamento e/o prestito è influenzato da questi fondamentali parametri. Ma vediamo ora nel dettaglio quali sono i tassi di interesse.

Il Testo Unico Bancario, al fine di tutelare i consumatori, ha stabilito l’obbligo per le società finanziatrici di dichiarare sempre in maniera esplicita e chiara, i tassi TAN e TAEG legati ai prestiti. Vediamo nello specifico ciascuno di essi a cosa fanno riferimento e come vengono applicati.

Ci sono, dunque, tre indici ai quali bisogna fare riferimento:

  • TAEG
  • TAN
  • TEG

TAEG (Indicatore Sintetico di Costo – ISC)

Il TAEG è il Tasso Annuo Effettivo Globale ed indica il costo effettivo dell’operazione di prestito, compresi gli interessi e tutte le spese (spese di istruttoria, spese di revisione del prestito, spese di apertura e chiusura della pratica di finanziamento, spese di riscossione dei rimborsi e di incasso delle rate, spese di assicurazione o garanzia se presenti e tutte le altre spese connesse con l’operazione di finanziamento). In questa tipologia di indice non rientrano i bolli statali, le assicurazioni non obbligatorie e le tasse. Il TAEG deve essere indicato nel contratto obbligatoriamente, secondo le normative vigenti in materia di prestiti.

Il TAEG, dunque, misura il tasso effettivo globale del prestito, considerando tutte le eventuali spese accessorie: pertanto, si presenta come un utile indicatore per valutare la convenienza o meno di un prestito e confrontarlo con altre offerte.

TAN

Il TAN è il Tasso Annuo Nominale, che però non tiene conto non tiene delle spese e delle commissioni collegate all’operazione di finanziamento. Questo tasso di interesse puro, che viene espresso in percentuale, viene applicato al capitale finanziato. Esso, però, non comprende gli oneri accessori, che fanno riferimento alle spese aggiuntive che il cliente deve sostenere per aver stipulato il contratto. Il TAN permette di calcolare la quota di interesse che il cliente dovrà corrispondere all’ente che gli ha concesso la somma in denaro.

TEG

Il TEG è il Tasso Effettivo Globale indica gli oneri finanziari, comprese le commissioni e le spese complessive collegate al finanziamento, tranne quelle relative all’assicurazione del contratto e alle tasse. Viene espresso in percentuale su base annua.

Anche se si ha una chiara panoramica dei tassi di interesse che possono essere applicati al prestito e dei costi che essi comportano, bisogna tener presente anche gli altri oneri che possono incidere sull’importo finanziato (spese di istruttoria, spese di assicurazione e di garanzia, spese per la riscossione delle rate e via discorrendo).

Infine, va detto che tutte le spese non sono addebitate in maniera obbligatoria, ma esse possono variare a seconda delle condizioni messe in atto dagli istituti di credito che offrono soluzioni di prestito: esse, come i tassi di interesse, fanno inevitabilmente incrementare il costo totale del prestito che si richiede.

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Come richiedere un prestito | Nunzio Grieco | Guida ai prestiti
  2. Carte di credito revolving | Nunzio Grieco | Tipologie di prestiti
  3. Diritto di recesso del prestito | Nunzio Grieco | Guida ai prestiti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.