Prestito INPDAP

come richiederlo

Prestito INPDAP

Nella categoria dei finanziamenti che si possono richiedere, rientrano anche i prestiti INPDAP. Questi prestiti sono erogati, come si può intuire, dall’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, e rappresentano prestiti agevolati dedicati ai lavoratori dipendenti, pensionati e alle loro famiglie. L’ente eroga questo tipo di prestito mediante il Fondo credito, la Gestione Unitaria Autonoma delle Prestazioni Creditizie e Sociali. Inoltre, questi prestiti possono essere erogate anche dalle banche e/o istituti di credito convenzionati con l’INPDAP.

Chi ha accesso al prestito INPDAP?

I prestiti INPDAP sono dedicati ai lavoratori dipendenti e ai pensionati della pubblica amministrazione che aderiscono al Fondo credito dell’Istituto e alle relative famiglie. Per poter aver accesso a questa tipologia di credito è necessario compilare dei moduli messi a disposizione dell’ente stesso, per poi consegnarli all’ufficio territoriale o provinciale INPDAP competenti. A seconda della disponibilità economica, vengono elargite le somme richieste dai soggetti che ne fanno richiesta. Ci sono diversi tipi di prestito che l’INPDAP può elargire ai propri clienti: tra questi, annoveriamo piccoli prestiti Inpdap, prestiti pluriennali diretti, prestiti pluriennali garantiti. Inoltre, Inpdap eroga ai propri iscritti mutui ipotecari per l’acquisto della prima casa.

Piccoli prestiti INPDAP

I piccoli prestiti Inpdap sono finanziamenti di breve durata (di solito fissati da 1 a 4 anni), concessi ai clienti che devono far fronte a bisogni improvvisi. Pertanto, facciamo riferimento a piccole somme per rispondere a necessità improvvise e urgenti del richiedente. Per ottenere un piccolo prestito Inpdap non è necessario fornire una motivazione specifica, né documentazione particolari. Il prestito richiesto deve essere pari a massimo una mensilità media netta di stipendio o pensione nel caso di durata annuale, due mensilità per i prestiti biennali, tre mensilità per i finanziamenti con durata triennale e quattro mensilità se il prestito ha durata quadriennale.

 Tassi di interesse e modalità di restituzione

Il tasso annuo base applicato ai piccoli prestiti Inpdap è agevolato rispetto ai tassi di mercato; viene inoltre applicata un’aliquota relativa alle spese di amministrazione e una relativa al contributo del fondo rischi. I piccoli prestiti possono essere restituiti in 12, 24, 36 o 48 rate mensili. Il rimborso può avvenire in contanti, presso la banca cassiera di Inpdap, oppure tramite addebito diretto su conto corrente bancario o postale.   Prestiti INPDAP pluriennali I prestiti Inpdap pluriennali vengono erogati a fronte di una comprovata necessità personale o familiare del richiedente: tra queste, sono annoverate le calamità naturali, rapina, furto e incendio; trasloco; acquisto della casa; ristrutturazioni e installazioni di impianti per l’energia rinnovabile; acquisto dell’auto; matrimonio e nascita dei figli; cure mediche e dentistiche; studi e molti altre. Ognuna di queste tipologie di prestiti Inpdap prevede un importo massimo erogabile. Per questa tipologia di prestito, è necessario fornire una documentazione che attesti la necessità del finanziamento e l’eventuale documentazione di spesa.

 Tassi di interesse e modalità di restituzione

I prestiti Inpdap pluriennali vengono concessi a lavoratori con almeno quattro anni di anzianità di servizio e pensionati con almeno quattro anni di versamenti contributivi. Anche i dipendenti a tempo determinato da almeno tre anni possono beneficiarne, purché la durata del prestito non superi quella del contratto. In questo caso il trattamento di fine rapporto dovrà essere dato a garanzia del prestito Inpdap. La durata dei prestiti pluriennali varia dai cinque ai dieci anni e possono essere estinti in 60 o 120 rate mensili consecutive. Ognuna di esse non deve superare il quinto della busta paga o della pensione al netto. Il tasso nominale annuo è vantaggioso, con una  con una ritenuta per spese di amministrazione e per il contributo del fondo rischi.

Prestiti pluriennali garantiti Inpdap

Gli iscritti alla Gestione unitaria per le prestazioni creditizie e sociali possono richiedere a banche e finanziarie convenzionate prestiti garantiti da Inpdap per le seguenti situazioni: decesso dell’iscritto prima di aver ultimato il rimborso; cessazione del servizio senza diritto a pensione; riduzione dello stipendio. La durata dei prestiti pluriennali garantiti può essere pari a 5 o 10 anni. Per richiedere questo tipo di prestito Inpdap,  l’iscritto deve presentare domanda in quattro esemplari all’Amministrazione di appartenenza sugli appositi modelli forniti dall’Istituto, senza alcuna documentazione o giustificativo di spesa, ma con allegato un certificato medico di sana costituzione fisica.

Come richiederlo

La domanda, compilata dall’Amministrazione di appartenenza e completa della dichiarazione dimostrativa dello stipendio, viene inviata all’istituto di credito, che la restituirà all’Amministrazione dopo aver compilato la proposta di contratto riportata sul modello. L’Amministrazione provvederà poi a inviare la documentazione alla sede Inpdap competente per territorio, che dopo aver valutato la regolarità della richiesta deciderà se concedere la garanzia e, dunque, la somma richiesta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.