Come richiedere un prestito

Come richiedere un prestito

Il termine prestito indica quella somma di denaro che una banca o istituto di credito elargisce al cliente che ne fa richiesta, a patto che abbia i requisiti necessari per richiederlo. Ci sono tante tipologie di prestito: da quello richiesto per ristrutturare casa o per comprare arredamento o per acquistare un’auto, giusto per fare qualche esempio. Le richieste di prestiti sono aumentate, negli ultimi anni, anche a causa della crisi economica che non permette alle famiglie di arrivare a fine mese. Vediamo ora come richiedere un prestito.

Chi eroga un prestito?

In Italia ci sono diversi organismi preposti all’erogazione dei prestiti: tra questi, annoveriamo le banche, gli istituti di credito e gli intermediari finanziari iscritti negli appositi registri. Questi rappresentano soggetti autorizzati a concedere ed erogare il credito al consumo.

Tipologie di credito a consumo

  • la carta di credito, strumento di credito al consumo con cui è possibile effettuare acquisti presso gli esercizi aderenti, e il cui pagamento avviene a cadenza predefinita (di solito fissata su base mensile), in un’unica soluzione (carta di credito a saldo), o in forma rateale con l’aggiunta del pagamento degli interessi maturati (carte di credito revolving);
  • il prestito finalizzato, una forma di finanziamento strettamente legato al bene acquistato, che si può richiedere ed ottenere direttamente dal punto vendita del bene e/o servizio (ad esempio, il finanziamento per gli elettrodomestici e per gli apparecchi elettronici nei punti vendita in cui è previsto una modalità di finanziamento degli oggetti messi in vendita);
  • il prestito personale, la forma di finanziamento più diffusa in Italia, che prevede il prestito di una somma prefissata, ad un tasso di interesse fisso, rimborsabile a rate costanti; ha il vantaggio di essere un prestito non finalizzato, per cui la sua erogazione non è subordinata all’acquisto di un bene o servizio specifico (a differenza del prestito finalizzato);
  • la cessione del quinto, tipologia di finanziamento che prevede il pagamento del debito attraverso delle trattenute sulla busta paga o sulla pensione, fino ad un massimo di un quinto dell’emolumento stesso, al netto delle trattenute;
  • il prestito vitalizio, forma di finanziamento riservato alle persone di almeno 65 anni d’età e proprietarie di un immobile, sul quale è necessario porre un’ipoteca.

Quali sono i requisiti necessari per richiedere un prestito?

Come dicevamo in precedenza, la banca o istituto di credito al quale ci rivolgiamo per avere un prestito ha bisogno che vengano rispettati determinati requisiti per poter, poi, erogare il prestito. Ecco quali sono:

  • Un’età compresa tra i 18 e i 70 anni (anche se esistono delle banche che offrono prestiti anche per soggetti fino a 90 anni)
  • Un reddito dimostrabile
  • Residenza sul territorio italiano
  • Essere titolare di un conto corrente bancario.

La banca, in base a questi dati, valuterà se concedere o meno il prestito al cliente che ne ha fatta richiesta, tenendo in considerazione anche la situazione debitoria precedente (soprattutto per i cattivi pagatori). La banca, infine, stabilirà le modalità di restituzione della somma concessa e le relative tempistiche di estinzione del prestito sul quale, infine, saranno applicati diversi tassi di interesse che dovranno essere ben chiari al cliente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.